Sport

Domenica la maratona di New York, in 47mila al via

marathon-2010Domenica la maratona di New York, in 47mila al via

(di Stefano De Paolis) (ANSA) - NEW YORK, 4 NOV - Record di partecipanti quest'anno alla Maratona di New York, la numero 42: saranno oltre 47 mila gli sportivi che domenica mattina si presenteranno a Staten Island per il via della 42 km più famosa, più prestigiosa e più apprezzata del mondo; sperando di colpetare il tracciato fino all'arrivo, a Central Park. Sono maratoneti che arrivano da 23 Nazioni, e che si cimenteranno sul classico percorso di 42 chilomentri e 152 metri - o 26,2 miglia, secondo la dicitura della misura ufficiale - che come sempre si snoda dal Ponte di Verrazzano attraversano i cinque quartieri di New York: Staten Island, Brooklyn, Queens, Manhattan e Bronx. La 'pattuglia' più numerosa sarà ancora una volta quella italiana, di cui faranno parte anche una quindicina di parlamentari, di Pdl, Lega, Pd e Idv, guidati dal vice presidente della Camera Maurizio Lupi.

 

Alla maratona di New York, gli italiani la fanno da padroni

maratona_italianiAlla maratona di New York, gli italiani la fanno da padroni

(ANSA) - NEW YORK, 5 NOV - E' iniziato il conto alla rovescia per la Maratona di New York: dall'alba di domani, la città sarà invasa da un esercito di oltre 47mila 'runner' provenienti da tutto il mondo. L'Italia a modo suo ha già vinto la sua corsa. Il Bel Paese infatti è al primo posto per numero di partecipanti tra i Paesi al di fuori degli Usa. Tra professionisti e dilettanti, il popolo azzurro conta ben 3.538 maratoneti. Seconda in classifica per numero di partecipanti è la Francia, terza la Germania. Tra gli atleti disabili, anche quest'anno ci sarà Francesca Porcellato, classe '70, lo scorso anno classificatasi quinta con un tempo di due ore, 15 minuti e 23 secondi. La Porcellato partecipa alla maratona di New York per la sesta volta e in tutta la sua carriera ha vinto ben 73 gare sulle cento a cui si e' iscritta. 

 

Addio a Joe Frazier, fu il primo a battere Mohammed Ali

frazierAddio a Joe Frazier, fu il primo a battere Mohammed Ali

Guarda il video dello storico incontro

Filadelfia (Stati Uniti), 8 nov. (TMNews) - Il campione del mondo dei pesi massimi, l'americano Joe Frazier, 67 anni, è morto ieri per un cancro al fegato. Lo ha annunciato la sua famiglia in un comunicato. Joe Frazier fu il primo a battere il leggendario Mohammed Ali con un voto unanime dei giudici dopo 15 round, nel 1971, al Madison Square Garden di New York, di quello che fu chiamato il "combattimento del secolo". Nei due incontri successivi, nel 1974 e nel 1975, fu invece sconfitto. Frazier aveva cominciato la sua carriera con 29 vittorie consecutive, conquistando nel 1970 il primo titolo di campione del mondo dei pesi massimi contro Jimmy Ellis, battuto in cinque riprese. Nel 1976, Frazier, alias 'Smokin' Joe', era tornato a combattere per il titolo contro George Foreman, ma fu mandato due volte al tappeto prima che il combattimento venisse sospeso alla quinta ripresa.
   

Baseball MLB, i Cardinals vincono gara 1 delle World Series

Cardinals_Baseball.JPEG-06ca4

Baseball MLB/ I Cardinals vincono gara 1 delle World Series

La prima sfida di una serie è sempre importante. E’ la sfida che setta il livello della serie, e che assegna a chi la vince l’inerzia della serie. Quella tra St. Louis e Texas è una World Series equilibrata, questo si sapeva, e gara 1 ha confermato tutti i pronostici della vigilia: grandi bullpen, lineup profondi e ottime difese. Finalmente i partenti - Ci si aspettava, dopo le prestazioni sottotono nelle Championship Series, una prova di forza dei partenti. E così è stato. Per i primi 3 inning e mezzo nulla o quasi ha superato le due difese, grazie anche ad alcune giocate spettacolari, come l’eliminazione in tuffo di Carpenter su Andrus nel primo inning. Il punteggio si sblocca nel quarto attacco di St. Louis.

 

Baseball MLB/Texas vittoria di "sacrificio", World Series in parità

texas

Baseball MLB/Texas vittoria di "sacrificio", World Series in parità

Vittoria sofferta ma meritata per i Texas Rangers nella seconda sfida delle World Series 2011. La squadra di Ron Washington soffre, si mantiene in vita grazie a delle spettacolari giocate difensive, e colpisce i Cardinals al primo errore. Ancor più di ieri in gara 1, i due partenti mostrano i muscoli, trasformando gara 2 in un vero e proprio duello sul monte.La prima valida arriva con 2 out nella parte bassa del terzo, è un doppio di Rafael Furcal. La successiva eliminazione in prima di Jay chiude però l’inning senza danni per i Rangers. La partita prosegue senza grandi scosse fino al settimo. Colby Lewis e Jaime Garcia dominano la scena, finchè Freese e Punto non decidono di fare sul serio, colpendo due singoli in fila contro Lewis.

   

Pagina 1 di 16